MONDAINO    
      

Su una rigogliosa collina della Valle del fiume Conca sorge Mondaino, uno dei borghi medievali più belli e suggestivi dell'Entroterra Riminese.
Nato come avamposto militare soprattutto in epoca romana, conosce il massimo sviluppo con la dominazione dei Malatesta, tra il 1300 e il 1500, responsabili della costruzione di un castello e di una serie di fortificazioni come il ponte levatoio, di cui oggi sono rimaste poche tracce.
Ben conservata però è la struttura architettonica medievale della città, con le ampie piazze, i tradizionali viottoli circondati da alte mura dove oggi ci sono le abitazioni dei cittadini.
Tra i principali luoghi di interesse ci sono la Rocca Malatestiana, Piazza Maggiore, il Convento dei Francescani, la Chiesa di S. Michele Arcangelo, il Museo Paleontologico e quello di Maioliche Rinascimentali.
Oggi Mondaino è teatro di interessanti fiere e manifestazioni, tra cui spicca per grandezza e importanza il Paolio del Daino. La particolarità della festa è data dalla impeccabile ricostruzione storica delle battaglie in costume e delle sfilate. E' anche un'occasione unica per visitare luoghi normalmente preclusi al pubblico. Ricordiamo tra gli altri eventi la festa di Santa Bibiana, un mercatino di prodotti tipici di Mondaino e dintorni.

 

A conclusione di quattro giorni indimenticabili, è d'obbligo una tappa nelle antiche taverne che per pochi soldi alleviano la fatica dei viandanti con abbondanti libagioni ed ottimo vino offerti con tutta la passione e l'allegria che le genti di Romagna sanno dare.

torna a escursioni/itinerari

 
 

PALIO DEL DAINO

Le antiche signorie dei Malatesta e dei Montefeltro, e in particolare Sigismondo e Federico, non furono nemiche solo sui campi di battaglia, ma anche nei modi di gestire il potere, di concepire il mondo e perfino nello stile di vita personale, ma entrambe a loro modo contribuirono a importanti esperienze artistiche e culturali del rinascimento italiano.

A ricordare questo momento storico così intenso, a Mondaino si disputa il Palio del Daino. A rendere unica la manifestazione non sono solo le disfide tra le contrade, Borgo, Castello, Contado e Montebello, ma la minuziosa ricostruzione storica della vita del tempo. Durante la manifestazione si ha l'opportunità di assistere, lungo le antiche vie del centro storico alle numerose sfilate dei cortei con magnifici costumi rinascimentali, ai giochi disputati dalle contrade, ai numerosi spettacoli con sbandieratori, combattenti, trampolieri, saltimbanchi, giullari, streghe.

Unica, per ricchezza e ricerca filologica, è la ricostruzione delle arti e mestieri e della vita materiale del quindicesimo secolo, che crea la reale sensazione di vivere l'atmosfera di quel periodo. Per rendere più verosimile la ricostruzione vi sono rappresentati anche gli aspetti meno nobili della vita quotidiana, quelli al confine della legalità, con riproduzioni fedeli del lebbrosario e del postribolo, mentre il "Mestiere della guerra" con le sue forti emozioni, è riscoperto aggirandosi negli accampamenti delle milizie, dove si alternano dimostrazioni di combattimento.

 
      
 appartamenti e case vacanza "La Rosa dei Venti" - Viale dante, 132 47841 CATTOLICA (RN) - tel. +393381405401 +390541827001